Fabio Malfatti

... il sapere è un bene che si moltiplica condividendolo

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Terremoto Cile: Saccheggi e tragedie

E-mail Stampa PDF

E' impressionante. Dai racconti delle persone sto iniziando a ricostruire un quadro della situazione. Le notizie dalle zone più colpite e le notizie sono tragiche. Temuco è rimasta un'isola felice, dove praticamente non è accaduto niente. Ci sono stati dei tentativi, ma stiamo parlando di una città con livelli di povertà bassi, basso livello di criminalità e una periferia non molto estesa e prevalentemente residenziale.

Dalle aree di S.Pedro de la Paz, Loto, Coronel, Chillan, Talca, Parral, Chiguallante, e da altre aree arrivano notizie di un vero e proprio saccheggio. Negozi svuotati, assalti nelle case, disperazione. In alcuni paesi e quartieri periferici la gente ha costruito barricate per difendersi dagli attacchi delle bande. Questo a poche ore (12 - 20) dal sisma.

Per dare un'idea stanotte un'auto è finita in un burrone perchè erano stati rubati i segnali di pericolo. Inizialmente ho pensato a un'esagerazione, ma poi alla fine dopo tutti i commenti ricevuti sono propenso a crederlo.

Come è possibile? Semplice: basta concentrare le persone più povere in un quartiere, aumentare il degrado, abbandonarle e mettere all'angolo un quartiere residenziale.

Certo non è un fenomeno esteso numericamente, ma diffuso in tutta l'area dove si sono verificati maggiori danni.

Per ora vi saluto.

Mi sconvolge pensare che l'ordine sia

You have no rights to post comments

Notizie flash

senza parole