Fabio Malfatti

... il sapere è un bene che si moltiplica condividendolo

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

#1kgCO2Day è possibile. Basta pensarci

E-mail Stampa PDF

#1kgco2dayOggi ho lanciato su Facebook l'hashtag #1kgco2day. 

In pratica come ridurre di un Kg al giorno al nostra 'obesità' in fatto di CO2 emessa. L'obiettivo è possibile e non troppo complicato da raggiungere pur mantenendo molte delle nostre abitudini. Forse non riusciremo tutti i giorni a fare 1Kg meno, ma da qualche parte occorre partire. Come fare?

Ci sono grandi azioni che hanno un impatto su tutto l'anno, come cambiare fornitura di energia elettrica, e piccole azioni, che cercherò di suggerire di volta in volta. Continute a leggere! 

#1kgco2day : n.1 Guidare in modo più attento e ridurre i consumi.

Pensate 1 litro di benzina produce 2,4* Kg di CO2, mentre un litro di gasolio ne produce circa 2,7* Kg. Per cui basta guidare con più attenzione e risparmiare 0,4 litri di benzina al giorno. 

Come fare a risparmiare 0,4 litri di benzina al giorno? 
E' sufficiente una guida attenta. Certo su percorsi brevi non è facile, ma possiamo allenarci. 

Anche se avete una auto vecchia e non performante, è possible passare da 12-16 km con un litro (6,25 litri /100 km) a 20 Km con un litro (5 litri/100 Km) con una guida molto curata. 
Per risparmiare 0,4 l è sufficiente percorrere 20 Km andata e ritorno facendo attenzione all'indicatore di consumo che molte auto moderne hanno e il gioco è fatto. 

Se l'indicatore non c'è è comunque sufficiente seguire le regole di base:

  • di tenere una andatura regolare
  • occhio al piede sull'acceleratore che deve essere dolce e senza accelerare e decelerare continuamente.
  • In autostrada tenere una velocità attorno ai 110 km ora,oppure rispettare i limiti sulle strade urbane e extraurbane.
  • Rallentare per tempo senza frenare improvvisamente e poi accelerando per recuperare.
  • Evitare i sorpassi non necessari,
  • Fare partenze dolci (diamo in città non al gran premio)
  • Non premere l'acceleratore a vuoto
  • Tenere d'occhio le auto oltre quella davanti, che indicheranno in anticipo cosa fare. 

Negli anni ho sviluppato quella che chiamo 'guida inerziale' perché cerco di sfruttare al massimo l'energia dell'inerzia e frenare in modo giusto. Ma soprattutto ho cronometrato percorsi lunghi e brevi.

In città la velocità media i narea urbane non supera quasi mai i 30 Km orari (sui miei percorsi abituali di circa 5km) e l'unica variabile significativa sui tempi di percorrenza è il traffico.
Sui percorsi extraurbani, in condizioni di traffico giornaliero, posso guidare come un matto o stare tranquillo in coda e alla fine il tempo Lucca Pisa (circa 25 km) era lo stesso. Guidare in modo 'veloce' o 'sportivo' quando c'è traffico da' solo l'illusione di arrivare prima.

Certo, a meno di non mettere a repentaglio la vita degli altri (con la vostra fate quello che volete), ma questa è un'altra storia.

* Nota: 1 Litro di benzina pesa circa 0,750 Kg, ma ad ogni molecola bruciata si aggiunge l'ossigeno preso dall'aria.
I calcoli sono afti un po in modo approsismativo, ma è interessante leggerre  un interessante articolo di Quattroruote sulle emisisoni "Consumi ed emissioni: i dati aggiornati e tutto ciò che c'è da sapere

https://www.quattroruote.it/news/eco_news/2010/01/15/consumi_ed_emissioni_per_capirne_di_pi%C3%B9.html 

You have no rights to post comments

Notizie flash

opendata: Immagini satellite Italia

#OpenData:

Una grande notizia: da qualche settimana "e-GEOS, la società costituita da Telespazio (80%) e dall’Agenzia Spaziale Italiana (20%) specializzata nei servizi di osservazione della Terra, rende da oggi di libera utilizzazione i dati della sua piattaforma RealVista1.0. Enti pubblici e aziende potranno usufruire di questa preziosa banca dati costituita da immagini telerilevate dell’intero territorio italiano con risoluzione di 50 centimetri."

Per chi ha bisogno di utilizzare delle immagini liveramente senza dover sottostare al Copyright di Google o altr iprovider qusta è una vera e propria liberaziojne.  Potremo pubblicare senza dover imazzire per capire se possiamo farlo o meno.

Per gli usi commerciali è un enorme valore: quando spendiamo per acquisire immagini satelltari?

http://www.realvista.it/website/Joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=1:realvista1-0-da-oggi-diventa-open-realvista-it&catid=8&Itemid=101

Dettagli e apporfondimenti su e-GEOS  e immagini telerilevate Italia: http://blog.spaziogis.it/2014/03/03/un-post-di-50-centimentri/